Latest Entries »

Incastri

Infinità di incastri,

inserimento di sporgenze dell’uno

in corrispondenti incavi dell’altro,

aderenza perfetta dei nostri corpi

che si uniscono,

e si legano

in un amplesso del cuore.

 

Incastri-20-x-35-inchiostro-su-carta

L’anima

anigif_original-24382-1393408428-3

Agitata è l’anima

che di notte trascende

trasmigrando

in sogni reali.

 

Il tuo volto

Il tuo volto

è una maschera di stelle,

che lentamente

si tinge d’infinito,

nel complicato ciclo dell’amore.

 

foto-artistiche

 

Ombre del cuore

Il cielo,

di notte,

è uno schermo fatato

su cui proietto

le ombre del mio cuore….

 

cover-2

Pioggia e sole
cambiano
la faccia alle persone
Fanno il diavolo a quattro nel cuore e passano
e tornano
e non la smettono mai
Sempre e per sempre tu
ricordati
dovunque sei,
se mi cercherai
Sempre e per sempre
dalla stessa parte mi troverai
Ho visto gente andare, perdersi e tornare
e perdersi ancora
e tendere la mano a mani vuote
E con le stesse scarpe camminare
per diverse strade
o con diverse scarpe
su una strada sola
Tu non credere
se qualcuno ti dirà
che non sono più lo stesso ormai
Pioggia e sole abbaiano e mordono
ma lasciano,
lasciano il tempo che trovano
E il vero amore può
nascondersi,
confondersi
ma non può perdersi mai
Sempre e per sempre
dalla stessa parte mi troverai
Sempre e per sempre
dalla stessa parte mi troverai

Francesco De Gregori

 

Un’alba nuova

Rincorri i tuoi sogni

seguendo quel sentiero

e spingiti oltre quel campo di grano,

fatti guidare dal vento

attraverso il silenzio del mondo,

nell’incertezza della vita

nell’incognita del momento

nella fragilità dell’amore

Spingiti oltre

dopo la tempesta,

più in là del male,

e avvertirai una forza ignota,

un’alba nuova

colma di serenità,

di nuove emozioni,

del tuo tempo.

Marco Bartiromo

 

Campo

Inno alla bellezza

Vieni dal cielo profondo o esci dall’abisso,
Bellezza? Il tuo sguardo, divino e infernale,
dispensa alla rinfusa il sollievo e il crimine,
ed in questo puoi essere paragonata al vino.

Racchiudi nel tuo occhio il tramonto e l’aurora,
profumi l’aria come una sera tempestosa,
i tuoi baci sono un filtro e la tua bocca un’anfora
che fanno vile l’eroe e il bimbo coraggioso.

Esci dal nero baratro o discendi dagli astri?
Il Destino irretito segue la tua gonna
come un cane; semini a caso gioia e disastri,
e governi ogni cosa e di nulla rispondi.

Cammini sui cadaveri, o Bellezza, schernendoli,
dei tuoi gioielli l’Orrore non è il meno attraente,
l’Assassinio, in mezzo ai tuoi più cari ciondoli
sul tuo ventre orgoglioso danza amorosamente.

Verso di te, candela, la falena abbagliata
crepita e arde dicendo: Benedetta la fiamma!
L’innamorato ansante piegato sull’amata
pare un moribondo che accarezza la tomba.

Che tu venga dal cielo o dall’inferno, che importa,
Bellezza! Mostro enorme, spaventoso, ingenuo!
Se i tuoi occhi, il sorriso, il piede m’aprono la porta
di un Infinito che amo e che non ho mai conosciuto?

Da Satana o da Dio, che importa? Angelo o Sirena,
tu ci rendi -fata dagli occhi di velluto,
ritmo, profumo, luce, mia unica regina!
L’universo meno odioso, meno pesante il minuto?

Charles Baudelaire

 

Break Time

Hai sciolto le labbra

con la bava del cuore,

euforia epidemica

per un sorriso leso,

sei andata a fondo

nel mare riposto,

e poi al buio

hai fermato il tempo.

Marco Bartiromo

 

Sara-Stradi__canto-d-amore-tra-cielo-e-terra_g

I figli del mare (1910)

Dalla pace del mare lontano
dalle verdi trasparenze dell’onde
dalle lucenti grotte profonde
dal silenzio senza richiami –
Itti e Senia dal regno del mare
sul suolo triste sotto il sole avaro
Itti e Senia si risvegliaro
dei mortali a vivere la morte.
Fra le grigie lagune palustri
al vario trasmutar senza riposo
al faticare sordo ansioso
per le umide vie ritorte
alle mille voci d’affanno
ai mille fantasmi di gioia
alla sete alla fame allo spavento
all’inconfessato tormento –
alla cura che pensa il domani
che all’ieri aggrappa le mani
che ognor paventa il presente più forte
al vano terrore della morte
fra i mortali ricurvi alla terra
Itti e Senia i principi del mare
sul suolo triste sotto il sole avaro
Itti e Senia si risvegliaro. –

Ebbero padre ed ebbero madre
e fratelli ed amici e parenti
e conobbero i dolci sentimenti
la pietà e gli affetti e il pudore
e conobbero le parole
che conviene venerare
Itti e Senia i figli del mare
e credettero d’amare.
E lontani dal loro mare
sotto il pallido sole avaro
per il dovere facile ed amaro
impararono a camminare.
Impararono a camminare
per le vie che la siepe rinserra
e stretti alle bisogna della terra
si curvarono a faticare.
Sulle pallide facce il timore
delle piccole cose umane
e le tante speranze vane
e l’ansia che stringe il core.

Ma nel fondo dell’occhio nero
pur viveva il lontano dolore
e parlava la voce del mistero
per l’ignoto lontano amore.
E una sera alla sponda sonante
quando il sole calava nel mare
e gli uomini cercavano riposo
al lor ozio laborioso
Itti e Senia alla sponda del mare
l’anima solitaria al suono dell’onde
per le sue corde più profonde
intendevano vibrare.
E la vasta voce del mare
al loro cuore soffocato
lontane suscitava ignote voci,
altra patria altra casa un altro altare
un’altra pace nel lontano mare.

Si sentirono soli ed estrani
nelle tristi dimore dell’uomo
si sentirono più lontani
fra le cose più dolci e care.
E bevendo lo sguardo oscuro
l’uno all’altra dall’occhio nero
videro la fiamma del mistero
per doppia face battere più forte.
Senia disse: “Vorrei morire”
e mirava l’ultimo sole.
Itti tacque, che dalla morte
nuova vita vedeva salire.
E scorrendo l’occhio lontano
sulle sponde che serrano il mare
sulle case tristi ammucchiate
dalle trepide cure avare
“Questo è morte, Senia” – egli disse –
“questa triste nebbia oscura
dove geme la torbida luce
dell’angoscia, della paura;.

Altra voce dal profondo
ho sentito risonare
altra luce e più giocondo
ho veduto un altro mare.
Vedo il mar senza confini
senza sponde faticate
vedo l’onde illuminate
che carena non varcò.
Vedo il sole che non cala
lento e stanco a sera in mare
ma la luce sfolgorare
vedo sopra il vasto mar.
Senia, il porto non è la terra
dove a ogni brivido del mare
corre pavido a riparare
la stanca vita il pescator.
Senia, il porto è la furia del mare,
è la furia del nembo più forte,
quando libera ride la morte
a chi libero la sfidò”.

Così disse nell’ora del vespro
Itti a Senia con voce lontana;
dalla torre batteva la campana
del domestico focolare:
“Ritornate alle case tranquille
alla pace del tetto sicuro,
che cercate un cammino più duro?
che volete dal perfido mare?
Passa la gioia, passa il dolore,
accettate la vostra sorte,
ogni cosa che vive muore
e nessuna cosa vince la morte.
Ritornate alla via consueta
e godete di ciò che v’è dato:
non v’è un fine, non v’è una meta
per chi è preda del passato.
Ritornate al noto giaciglio
alle dolci e care cose
ritornate alle mani amorose
allo sguardo che trema per voi
a coloro che il primo passo
vi mossero e il primo accento,
che vi diedero il nutrimento
che vi crebbe le membra e il cor.
Adattatevi, ritornate,
siate utili a chi vi ama
e spegnete l’infausta brama
che vi trae dal retto sentier.
Passa la gioia, passa il dolore,
accettate la vostra sorte,
ogni cosa che vive muore
nessuna forza vince la morte”.

Soffocata nell’onda sonora
con l’anima gonfia di pianto
ascoltava l’eco del canto
nell’oscurità del cor,
e con l’occhio all’orizzonte
dove il ciel si fondeva col mare
si sentiva vacillare
Senia, e disse: “Vorrei morire”.
Ma più forte sullo scoglio
l’onda lontana s’infranse
e nel fondo una nota pianse
pei perduti figli del mare.
“No, la morte non è abbandono”
disse Itti con voce più forte
“ma è il coraggio della morte
onde la luce sorgerà.
Il coraggio di sopportare
tutto il peso del dolore,
il coraggio di navigare
verso il nostro libero mare,
il coraggio di non sostare
nella cura dell’avvenire,
il coraggio di non languire
per godere le cose care.
Nel tuo occhio sotto la pena
arde ancora la fiamma selvaggia,
abbandona la triste spiaggia
e nel mare sarai la sirena.
Se t’affidi senza timore
ben più forte saprò navigare,
se non copri la faccia al dolore
giungeremo al nostro mare.

Senia, il porto è la furia del mare,
è la furia del nembo più forte,
quando libera ride la morte
a chi libero la sfidò”.

Carlo Michelstaedter

Il mio sole

Hai trafitto la neve scavando tormenti

come fa l’agrifoglio al fresco del bosco,

con corone di spine foranti

e frutti rossi come il sangue,

hai visto ginepri e larici in fiore

tra vecchie rovine e mille paure,

arando sorrisi e sogni celesti

in campi di grano e crepe infinite,

hai tinto l’amore di un solo colore

nel succo amaro del dolore,

ibernando pure emozioni

nel pozzo profondo del tuo cuore.

Sbocciasti con la neve

ma sei bella come il sole.

Marco Bartiromo

 

895350445-repubblica-dominicana-pace-columbide-merce

La Ciarla

Nulla dies sine linea

Fashion Diary

La semplicità è la chiave che porta al successo.

Sirena Guerriglia

Se Tutto è Improbabile Nulla è Impossibile.

ilsaporedelleparole

Il lettore vero è quello della seconda volta..

ASTEROIDI

Non è vero che ho la testa tra le nuvole, ce l'ho tra gli asteroidi.

♥ ♥ ♥ Io e il mio oltre ♥ ♥ ♥

io e il mio Dio…io e i miei pensieri sparsi ..io e le mie rose ..io e l’amicizia .io e il Web…

Il benessere secondo Sara

ASICS “Mens sana in corpore sano”: “Mente sana in un corpo sano”

VinVivendo

colori,emozioni,storie,sapori

Il viaggio di Madame Butterfly

Una penna per raccontare quello che sono. Un pennello per colorare quello che sarò.

a due passi

amore e sesso ai tempi delle app

up and down

A topnotch WordPress.com site

I tesori alla fine dell'arcobaleno

Giornale culturale e di informazione on-line a cura dei volontari per la cultura

POESEIDE

VERSO LE FORME DELLA POESIA

Marco Monteverdi

Parole di Luce, Suoni e Immagini di Pace

Famedisapere's Blog

Stay hungry, stay foolish ( S.Jobs)

la piccola isola che non c'è

Descrivere emozioni attraverso parole e immagini, dove in ogni sua forma d'espressione ha la sublimazione d'arte... P.G.d.L.

• Brevi pensieri di poco conto •

Scrivo solo di ciò che so, quindi non stupitevi dei lieti fine alternativi.

Salvatore Leone

il vizio dell'aria

lazonafrank

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

БЛУКА

БЛаги БЛог

I Giorni e le Lune

Pensieri in cammino

pensiero puro e libero

la città dei poeti, dei sognatori, dei pensatori liberi

Seidicente

Possiedo sogni e ragione...

Manumanu

invicta

GRUPPO/I DI LETTURA

Il blog dei gruppi di lettura e le letture condivise di noi *lettori comuni*

∞ L' Eco del Vento ∞

♥ by Laura ♥

PiperitaoMenta

pensieri in volo

MI SONO PERSA

Cercandomi , ho scoperto di essere diventata un'altra.

Sartago Loquendi

«Fritto misto» di parole, pensieri, poesie

mi fai del male? io faccio di peggio.

“Come sono belle le donne quando decidono di fare l'amore tra poco.” -Benigni

LadyOscar

NATA SBAGLIATA

bartiromomarco

Creatività è tutto ciò che non esisteva prima di averci pensato. -- Alfredo Accatino

Comesecifossi

negozio di parole

verde smeraldo

POSSIAMO RAGGIUNGERE OGNI SCOPO DALLA VITA, BASTA CAPIRE COME FARE E QUALI SONO I MEZZI PER FARLO....ASCOLTA TE STESSO,LA FELICITà è DENTRO TE...

That's my spot.

Un blog su cinema, musica e tutto ciò che mi affascina.

ajborsl

Per scrivere bisogna saper ascoltare

Disintegrazioni

"C’è molta speranza, ma nessuna per noi." (Franz Kafka)

Mary Hollywood

Tv shows, Movies, Actors, Singers

Fuoridallarete

Since 1990

cose nostre blog

(cose nostre in casa nostra)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 322 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: