Tag Archive: pensieri


Il sole dentro me

Il sole dentro me

Luce del giorno,

raggi dorati e struggenti,

sfocati riflessi indiscreti

in un presente impallidito.

Trasparente come uno specchio illusorio

scorge il mare tra nuvole di prato.

Estro che vola tra binari immacolati

in uno spazio stabilito.

Dalla finestra chiusa

l’estremità del passato,

sapiente ricamo del mondo:

battito costante di ventura.

Dissolve il crudo raccolto,

quella neve che copre la vita.

Una traccia al mattino

che d’incanto illumina e brama.

Marco Bartiromo

Annunci

Marina Morelli è nata a Roma, il 5 luglio 1963, e qui vive tuttora. Madre di due ragazze autistiche, si è dedicata pienamente alla loro assistenza smettendo di lavorare nel 1996. La poesia che voglio condividere con voi fa parte di una raccolta non ancora pubblicata, ma che ha tracciato il cammino verso la scrittura pubblicando il suo esordio letterario:

Nozione d’amore – Appunti di un viaggio all’inverso

(Il libro è stato pubblicato nel mese di ottobre, in seconda edizione, da “Le Parche Edizioni”. Marina Morelli, attraverso queste pagine, compie un incredibile viaggio all’inverso, lasciando alle sue spalle la mancanza d’amore e d’amicizia che per anni l’ha condizionata. Il dolore non ha indurito il suo cuore, gli abbandoni non hanno minato il suo amor proprio e le malattie non l’hanno resa impotente: vive di concretezza e immaginazione, seguendo l’incombenza di un disegno superiore, intravisto con la mediazione della sua interiorità e dei suoi arcani contenuti.)

VUOTO DI ME

Come un involucro 
che non ha ancora raggiunto la misura,
        io me ne vado per il mondo
contenendo tutto il mio dolore.

Mi sono svuotata di me. 

Ho accolto e
fatto posto a tutta la mia sofferenza…
e faccio attenzione che, questa, 
          non debordi nel mondo intorno,
che tanto apprezza, 
     anzi chiede l’apparente allegria.
        
A volte mi apro, ed è proprio allora, 
quando un’ombra di verità oscura il mio sorriso
che, se non sono sola,
            io mi sento spudoratamente sola:
spogliata del mio dolore, carne viva
    …e vuota di me.

Marina Morelli

(Roma, 26/10/2010)

copertina-6

Enigma

Chissà se troverò la chiave del dilemma

per schiudere la soglia sibillina,

forse trascinerò quel fardello immaginario,

l’ennesimo delirio della mente,

nell’infinito dedalo proibito,

un groviglio macchinoso

ostruito dagli enigmi del cuore.

Chissà se scoprirò il complicato arcano,

tirando fuori dal cilindro

l’ennesima e inutile bugia,

a cui presterò fede

per non offendere la genesi del mondo.

Marco Bartiromo

4bf5c9d28b1227712f5812cebaccd82c

Un mondo piatto….

Il mondo piatto

Forse un mondo piatto eliminerebbe le emicranie,

lenirebbe sofferenze riducendo i pensieri.

Forse un mondo piatto muterebbe l’esistenza

facendoci rinascere da una morte interinale.

Forse anche i sogni troverebbero risorse

senza lasciarsi andare nell’orbita infinita,

non si disperderebbero come aquiloni al vento

inducendoci a nutrire un nuovo desiderio.

I sogni spazierebbero nel cielo livellato

legati al nostro cuore da catene d’entusiasmo,

e non svanirebbero nel caos della speranza

per poi frantumarsi in lacrime di pioggia.

Un mondo piatto è uno spettacolo creato,

un’esibizione improvvisata da un discobolo devoto

che consegna messaggi per la gioia del domani

con l’ottimismo di chi ci spera ancora.

Marco Bartiromo

Un sogno

Abito un sogno

noioso come un tarlo,

che rode nel profondo

con finta ritrosia.

Naufrago miraggio

offuscato dal tempo,

sradica germogli

denudando rami.

Frena le radici

con salde illusioni,

e l’edera risale

dalle caviglie al cuore.

Marco Bartiromo

 

1432cee309_3952364_med

Un giorno qualunque di Carolina Pelella

La vita è un giorno qualunque,

dove ti viene tolto,

e ti viene donato,

dove c’è sempre un sorriso dietro le nuvole.

 

In un giorno qualunque ti disseti,

e ti dissangui,

cammini e sei immobile,

piangi e sorridi.

 

Un giorno qualunque

ha un sinonimo e un contrario,

ha una virgola che è pausa,

e un punto per fermarsi.

 

Un giorno qualunque

ti porta ad un incontro

o ti porta lontano.

 

Un giorno qualunque,

ma qualunque giorno può diventare straordinario,

dall’alba al tramonto,

e poi arriva la notte,

e la notte non è mai una notte qualunque…

è lieve come il sogno, e ha il respiro della vita.

Carolina Pelella

 Morning-blossom_thumb1

Pagina da inventare

Mi pare strano un tramonto bianco,

come una pagina tutta da inventare,

mentre ripenso ai tranelli della vita

che l’uomo ha purtroppo da incontrare.

Pare una tela tutta da osservare,

ma senza batticuore,

pur se lo scorrere implacabile

mi riapre ancor la porta dei ricordi.

Stride su cardini da tempo arrugginiti

perché gli manca l’olio di speranza,

ma nel segreto celo un ripostiglio

la cui fiammella ha un tremito di vita.

Mi pare irraggiungibile al mio soffio lieve,

ma la speranza ancora mi precede,

ed afferro l’ampolla tutta d’oro

che lascia in me la forza come dono.

E si apre uno scenario sconosciuto,

e la mia Anima ritrova quel ristoro,

coltre di stelle

a riscaldarmi il cuore.

Fluttuano ali bianche nella sera,

la mia Anima si apre alla preghiera.

Sono gli amici che mi hanno preceduta,

pur se l’Amore ha un cifrario muto!

Antonietta Germana Boero

La farfalla

L’ultima, proprio l’ultima,

di un giallo così intenso,

così assolutamente giallo,

come una lacrima di sole quando cade

sopra una roccia bianca,

così gialla, così gialla!

L’ultima volava in alto leggera,

aleggiava sicura,

per baciare il suo ultimo mondo.

Tra qualche giorno

sarà già la mia settima settimana

di ghetto: i miei mi hanno ritrovato qui,

e qui mi chiamano i fiori di ruta,

e il bianco candeliere del castagno,

nel cortile.

Ma qui non ho visto nessuna farfalla.

Quella dell’altra volta fu l’ultima:

le farfalle non vivono nel ghetto.

Pavel Friedman (1921 – 1944)

 

Pavel era un ragazzo ebreo che fu rinchiuso nella fortezza ghetto di Terezin (Repubblica Ceca), utilizzata dalla Gestapo come campo di concentramento per gli ebrei. Da Terezin gli ebrei venivano deportati dai nazisti in vari campi di sterminio. Pavel fu uno di loro, e ad Auschwitz trovò la morte.

Senza titolo-1

Questa raccolta ci permette di mettere insieme alcune delle testimonianze di quanti hanno vissuto la Shoah in prima persona o attraverso i loro cari e hanno voluto lasciare una traccia scritta della loro storia. Attraverso le loro parole abbiamo ripercorso, per non dimenticare, tutto ciò che e stato. Un esercizio di memoria utile a passare la fiaccola del ricordo alle nuove generazioni. Con gli anni, i testimoni dello sterminio ebraico non potranno più raccontarlo, e noi non possiamo correre il rischio di dimenticare questa pagina di storia.

http://www.leparchedizioni.com/#!product-page/gtdeo/24a2147c-bf5c-672a-04b1-8670656ab488

Prova logo Le Parche 1

Per questo Tag ideato da Carla (La dimora del pensiero), sono stato nominato da Dora Buonfino – Almeno Tu che ringrazio tantissimo

Tags

Regole:

  • Nominare l’ideatrice del Tag Carla
  • Ringraziare chi nomina ed utilizzare il logo
  • Nominare 15 blog (non se stessi o chi vi ha nominati, lasciando spazio agli altri) ed avvertirli
  • Scrivere un post per mostrare il premio
  • Raccontare, brevemente, come è nato il proprio blog e dare dei consigli a chi si cimenta da poco

Nomine:

Tramedipensieri                            primaepoi                                         diolontanoevicino

Franz                                                ennesimafuga                                  verseggiando

VitediVino                                       pensieridiunalupasolitaria            poesievisuelle

Etanòlo                                             giovannimainato                             lorellaronconi

poesiestralciate                              herschelmann                                   sarah

Da cosa nasce il blog: bartiromomarco

Tornando al primo post, la mia prima pubblicazione su questo blog, noterete l’immagine di un quadro raffigurante un nudo di donna. Ebbene sì, in quel periodo “cercai” di dedicarmi alla passione della mia vita, parlo della pittura naturalmente, e il soggetto preferito erano le donne (lo sono ancora tutt’oggi). Non è il primo blog che apro: la scelta di WordPress è avvenuta solo per un cambio di piattaforma, e dopo una precipitosa cancellazione del precedente su Libero, dal quale riuscii a sradicare e trasferire alcuni dei miei tanti pensieri. Ecco, per me aprire un blog significa trasferire le osservazioni e le creazioni di un’anima sensibile che pennella ricordi in un viaggio del cuore, un viaggio altalenante che spero duri ancora tanto. Lo definisco “il mio diario virtuale”. Un diario in cui trascrivo tutto ciò che attira il mio interesse e che desidero condividere con chi mi segue. Ringrazio ancora Dora per la nomina, e resto in attesa di leggere le vostre “dichiarazioni personali” sul perché aprire un blog.

Riflesso

Come lame intonate

su lastre glaciali di un sogno,

si librano arie ridenti

negli archi di un solco tremante,

sprezzanti del freddo momento

allietano fasci imploranti,

il cruccio di un volo bramato

con le ali di un cuore malato.

Comete tra stelle lucenti

consumano nuovi presagi,

falciano emozioni  

in un crepuscolo imminente,

slittano sull’erba gioiosa

protette da rugiada virtuosa,

e l’alba si rispecchia vivace

nel riflesso condiviso.

Marco Bartiromo

 

eb05c5ec13f2bac74815b765dcbf47ec

Il Cassetto nel Cassetto

Un Mondo di Parole

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

When I' m With You... Whitney Ibe Blog!

Inspirational,Motivational, Lifestyle, Daily Living, Positivity, Religion

Lady Nadia

Racconti, poesie e molto altro ancora ...

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Laura Parise

Come le onde del mare... un moto perpetuo... perché la vita è un libro pieno di pagine bianche...

La speranza ilcuore della vita di Raffaella Frese

Frasi, citazioni, pensieri che nascono dal cuore

#THEGUYWHOSAIDALWAYSNO

"Chapter One: Leave the past where it belongs"

suibinarideigiorni

pensieri in transito di un cuore nomade

Notes From a Gherkin Jar

By Penny Pickled

BLOG DA UNIQUE

Devaneios, devaneios...

Pirofobia

Tutte le parole che non ho detto.

Il tempio della vita

Federico Morbidelli

Gallery15

#gallery15blog

The Devil Corp

An unchallenged assessment of a notorious and insanely wicked direct sales cult

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

Giusy in cucina

Tante Ricette - tanto buon cibo - tante curiosità e informazioni

Blog Femme & Infos

"La mode sans vulgarité"

frammentiweb

Sara Massa

aceofficialsite

Finché si avranno passioni non si cesserà di scoprire il mondo.

Lorenzo Manara

Scrittore di romanzi con il cassetto pieno.

andreinewcreation

Nu-mi dați sfaturi. Știu sa greșesc și singur

LePassepartout

"Scientia est Potentia"

Parole in Libertà

di Mademoiselle M

sempremar

Eppure, se avessi potuto ricominciare da capo, ero sicuro che avrei rifatto le stesse identiche cose. Perché quello ero io.

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Ventoetempofermo

"L'uomo è libero, salvo in ciò che ha di profondo. Alla superficie, fa ciò che vuole; negli strati oscuri, Volontà è vocabolo privo di senso."

Orso Romeo

NON PENSO AL DOMANI, PERCHÈ NON SO NEANCHE SE ARRIVO A FINE GIORNATA

Humani nihil

Angolo di riflessione sui miracoli della creatività umana

La venere degli stracci

di Roma e di altri demoni

newvideos31

Happy birthday to you :)

nascosta tra le righe

Ma li vedi quegli occhi? Bucano dentro... E quando smetti di guardarmi torna il vuoto.

lovecoach e letture angeliche

nel mio blog ci sara argomenti angelici e lovecoach dove troverai una professionista nell settore disponibile a darti una mano mediante un percorso interiore per aiutarti per migliorare la tua vita sentimentale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: