Abito un sogno

noioso come un tarlo,

che rode nel profondo

con finta ritrosia.

Naufrago miraggio

offuscato dal tempo,

sradica germogli

denudando rami.

Frena le radici

con salde illusioni,

e l’edera risale

dalle caviglie al cuore.

Marco Bartiromo

 

1432cee309_3952364_med

Advertisements