È turnat ‘o sol’

È turnat

e l’onna se ricose

s’appacia o vient’

e o mare s’arriposa.

È turnat ‘o sole

ncopp’ a na’ scugliera abbandunat’.

Se spann’ o’ ciglio

e rial’ carezz’ ncopp’ a rena.

Saglie pe’ Quartier’

fino e dint’ ‘o vic’ cchiù nascus’

e port’ ammore, l’ammore che mancat’.

S’affaccia pa’ fenest’,

e già me sta vicin.

È turnat,

p’ascarfà stu core addulurat.

È tornato il sole

È tornato

e l’onda si rammenda,

si calma il vento

e il mare si riposa.

È tornato il sole

sopra una scogliera abbandonata.

Si spande alla banchina

donando carezze sull’arenile.

Sale dai Quartieri,

fino ad arrivare nel vicoletto più nascosto,

e porta l’amore, l’amore ormai dissolto.

Si affaccia dalla finestra,

e mi è già vicino.

È tornato,

per riscaldare questo cuore dolente.

Marco Bartiromo

 

Annunci