Bella comm’a’ nu specchio ‘e Paraviso
sta terra ‘e fuoco cummigliata ‘e verde,
cu l’oleandro, sciore amaro appiso
e ‘o mare chiaro attuorno ca se sperde.
Se sposano acqua e fuoco, na canzona,
sèmmena pe chi nasce già signato…
figlio d”a storia e d”a rassignazione,
cchiù amaro ‘e ll’oleandro, a quann’ è nnato.
Preta pe preta, ce se legge ‘a storia
d”e griece, d”e rumane, ca traspare;
strate c’hanno cantato morte e gloria;
storia ca s’annasconne e po’ accumpare.
Ma si’ ‘a notte cammine pe sti vvie
e dint’ a ll’aria siente nu lamiento,
nun so’ ‘e ssirene cu ‘e malincunie
nè ‘a tromba ca Miseno sona ‘ô viento.
E’ ll’anema ‘e sta terra ca se lagna,
e n’eco ‘e chianto torna mmiezo ‘e fronne
e siente ‘e murmulià pure ‘a muntagna
ca ‘a luna guarda e a mmare po’ s’affonna…

Bruno Zapparrata

Bella come uno specchio del paradiso,
questa terra di fuoco coperta di verde,
con l’oleandro fiore amaro appeso
e il mare chiaro attorno che si sperde.
Si sposano acqua ‘e fuoco, una canzone,
semina per chi nasce già segnato,
figlio della storia e della rassegnazione,
più amaro dell’oleandro da quando è nato.
Pietra per pietra ci si legge la storia,
dei greci, dei romani che traspare;
strade che hanno cantato morte e gloria,
storia che si nasconde e poi ricompare.
Ma se la notte cammini per queste vie
e attraverso l’aria senti un lamento,
non sono le sirene con le loro malinconie
nè la tromba che Miseno suona al vento.
E’ l’anima di questa terra che si lagna,
e un eco di pianto torna tra le foglie,
e senti mormorare pure la montagna
che guarda la luna e a mare poi s’affonda.

 

Annunci