firth_of_fifth_by_parady

Un muro bianco

alla stazione senza nome

propone confini immaginari

mutevoli al desio.

Labbra sorridenti

siedono panchine radicate

delineando percorsi accorti

in tragitti ordinati.

Occhi lucenti e folli

progettano fermate abbandonate

affidando al caso

programmi ed eventi.

Cuori palpitanti

scelgono la linea dell’amore,

un viaggio senza soste

sui binari del tempo.

Un muro bianco

alla stazione senza nome,

offre pacchetti a rischio

sui percorsi della vita.

Marco Bartiromo

 

 

 

Annunci