Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte!
Mmiez’ ‘e penziere d’ ‘a gente
dint’ ‘a chest’aria ‘e turmiente.

Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte…

‘Ncopp’ ‘o presepio a Natale,
dint’ a ‘nu cuopp’ ‘e giurnale.

E ogge, ca i’ passo ‘a ‘nu munno a n’ato,
a me mme pare quase tutt’ ‘o stesso.

‘E mamme, ‘e figlie,
‘e viecchie, ‘e mariuole,
si stanno a Sud
fanno cchiù rummore.

Nuje nun simmo mangiaspaghetti,
nuje nun simmo nè terrone e nè fasciste:
nuje ch’ammo jettato ‘o sanghe
int’a sta Storia,
partimmo pe’ turnà
addò simme nate.

Partimmo, pe’ gghì a truvà
chello ch’amma lassato.
Ma pecchè?

Sud scaveme ‘a fossa,
voglio murì cu’tte.

 

Traduzione

 

Sud, scavami la fossa

voglio morire con te

tra i pensieri della gente

in quest’aria di tormenti.

 

Sud, scavami la fossa

voglio morire con te

 

Sul presepe, nel giorno di Natale

in un giornale accartocciato

 

Oggi, nel passaggio da un mondo all’altro

mi sembra tutto uguale

 

Le mamme, i figli

i vecchi, i ladri

se restano al sud

fanno più rumore

 

Noi non siamo mangia spaghetti

non siamo né terroni, né fascisti

noi che abbiamo dato il sangue

in questa storia

partiamo per tornare

lì, dove siamo nati

 

Partiamo per andare a trovare

quello che abbiamo lasciato

Ma perché?

 

Sud, scavami la fossa

voglio morire con te.

 

Advertisements