Chiove ‘o ce sta’ ‘o sole, stong’ ancora cca’,

ncopp’ ‘a sta’ panchina sciupata,

ca ‘o tiemp’ nfonn’ e nun sparagn’.

Guard’ ‘o mare e me cunsol’,

l’onna ca’ sbatt’ nfaccie ‘e scoglie,

e ‘o vient’ ca’ joca che fronn’ e ‘na quercia addurmuta,

ca nun se move, ma fa’ ‘o guardian’,

‘a na’ fenesta chiusa aret’ ‘a l’evera filante.

‘O vetro e’ cunsumat’, ma ce veco ‘nu ricam’,

‘nu merlett’ ‘e buran’ c’annasconn’ l’uocchie tuoje.

Nun te fai avvedè, ma je ‘o saccio ca’ ce staje.

Nun m’arrenn’ e torn’ ‘a venì.

Ce vo’ pacienza pe’ ffa’ cuntent’ ‘o core.

Pur’ ‘a sera, quann’ ‘o sole se ne trase,

‘e regn’ ‘a stanz’ ‘e mill’ fantasie,

me piace ‘e guarda’ l’ombra toja,

ca va’ fujenn’ senza se’ ferma’.

Po’ scenn’ ‘a luna ‘e torn’ ‘a casa mia,

semp’ ca speranz’ ‘e te vede’ dimane.

 

Marco Bartiromo

 

 

Con la pioggia o con il sole, sono ancora qui,

su questa panchina rovinata,

che il tempo bagna e non risparmia.

Guardo il mare e mi do pace,

l’onda che si infrange sugli scogli,

e il vento che gioca con le foglie di una quercia addormentata,

che non si muove, e fa il guardiano,

ad una finestra chiusa, dietro all’edera cadente.

Il vetro è consumato, ma ci vedo un ricamo,

un merletto di Burano che nasconde i tuoi occhi.

Non ti fai vedere, ma io so che ci sei.

Non mi arrendo e ci torno ancora.

Ci vuole pazienza per rallegrare il cuore.

Anche di sera, quando il sole scompare,

e riempie la tua stanza di mille fantasie,

mi piace guardare la tua ombra,

che si muove senza fermarsi mai.

Quando poi spunta la luna, torno a casa,

sempre con la speranza di vederti domani.

 

 

?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

Annunci