Tentativo di poesia vernacolare con traduzione.

 

 

sfondi-wallpaper-amore52

Ce stà na’ voce dint’o vicariell’

ca’ me d’a m’piccio e me tallèa,

me chiamma co’ nomm’

comme si me’ cunuscess’.

Allerament’,

senza cercà manco o’ permess’,

se n’fila dint’o piett’

e’ scumparisce,

comme a nu’ mariuol’ scustumat’

ca’ nun port’ o rispett’.

Nun faccio manca a’ttiemp’

e capì cche’ stat’,

ca’ già se’ pperso n’funn’

comm’a nu fantasm’.

È o’ core mio

ca’ va semp’ fuienn’

pe’ vivere ddoje ore ‘e libertà,

è comme a’ nu’ cardill’,

ca’ lass’ a’ caiola

pe’ correre e’ cantà,

ma’ quann’ se fa’ scur’

torna semp’ a’ddu me’,

e nun me’ lass’ cchiù.

 

Marco Bartiromo

 

Sento una voce nel vicoletto,

che m’importuna e mi segue,

mi chiama per nome

come se mi conoscesse.

Allegramente,

senza chiedere permesso,

entra nel mio petto

e scompare,

come un ladro maleducato

che non porta rispetto.

Neanche il tempo

di capire cosa sia successo

che è già arrivato in fondo,

come un fantasma.

È il mio cuore,

sempre a spasso,

per vivere qualche ora in libertà,

è come un cardellino

che lascia la sua gabbia,

per correre e cantare,

ma quando è sera

torna sempre da me,

e non mi lascia più.

Advertisements