Folle

Il nostro corpo

è composto da ingranaggi

che spronano abitudini e concetti,

pulegge rotanti e assi vincolanti

che girano le balle del dovere,

sistemi elevati non richiesti

che illudono la sfera del sapere,

un meccanismo puro con regole divine

plasmato da un provetto luminare.

È ricco di materia deduttiva

basata sull’umore personale,

profondo come un pozzo abbandonato

con l’acqua che ristagna nell’oscuro,

un serbatoio che accumula dolori

e partorisce secchi di afflizioni,

vanitoso come una spugna intrisa

e frivolo come un filtro illusorio,

un deposito gremito di rivalse

con cataste di fisse demenziali,

è un malanno che un giorno crollerà

e senza riferire spargerà letame.

Marco Bartiromo

folle (1)

Advertisements