Tramonto sul ghiaccio

Uso colori vivaci,

con sfumature tenui

e gradazioni associate,

per vestire la lastra di ghiaccio,

che iberna e custodisce,

orme di passi distanti.

Una patina duratura,

limpida come il mare,

immensa come un tempo andato,

profonda come uno sfregio letale.

 La insabbio con l’azzurro,

e con stralci di blu cristallino,

tra venature divergenti

di un verde schiumato,

lasciando che il viola

si confonda con il rosso,

vincitore incontrastato

di un tramonto disperato,

mentre scorrono nuvole infiammate

che riflettono ondate di fantasia,

evaporando questo freddo,

con l’intensità dell’anima

e la forza del cuore.

Marco Bartiromo

ardore

Advertisements