Ho raccolto un po’ di oblio,

nell’infinito sogno

che avvolge la tua mente.

Lo stringo tra le mani,

fermando quei momenti,

pensieri suddivisi

che sfrecciano veloci,

nell’irrazionalità 

di una trasformazione

che avanza a grandi passi,

nel volgersi indeciso

di un futuro lontano.

Allento la mia presa,

e come per incanto

mi abbaglio,

tra spiragli luminosi

che trafiggono le dita.

L’aria si diffonde

di magica poesia,

e come pioggia

mi lascio accarezzare,

dalla polvere di stelle

che vive dentro te.

Annunci