Comm’è bell’ à se’ scetà
guardann’o ciel’,
ò sole tras’ e te coglie nfacce,
te scarf’, te rilassa, te fà suspirà

Rimang’ dint’o liett’
e me mett’ a pensà,
‘a chell cà sò stato,
‘a chell che sarraggio,
‘a chell ca sò mò.

Me facc’ n’autocritica, all’istant’,
ma che me ‘mporta,
che ce pens’ affà,
‘a vit è bella,
è meglie cà stò ccà.

Come è bello svegliarsi
guardando il cielo,
il sole entra e ti arriva sul viso,
ti scalda, ti rilassa, ti fà sospirare.

Resto a letto
e comincio a pensare,
a quello che sono stato,
a quello che sarò,
a quello che sono adesso.

Mi faccio un’autocritica, all’istante,
ma cosa mi importa,
perché pensarci,
la vita è bella,
meglio restare qui.

Marco Bartiromo

 

Advertisements