‘A luna,
na’ terrazz’,
‘a luce ‘e nu’ lampione,
te’ teng’ dint’ ‘e braccie
‘e nun’ me’ par’ ‘o vero.
N’orchestra sta’ sunann’,
‘abbasc’ ‘o lungomare,
lasciann’ dint’ ‘a ll’aria
na’ fresca melodia,
ma si te tocc’ ‘a pell’
me’ par’ nu’ pianist’
ca’ premm’ ncopp’ ‘e tast’
cu’ delicatezza,
pe’ nun’ sciupa’ stu’ ciore,
cc’ addor’ ‘e primmavera.

La luna,
una terrazza,
la luce di un lampione,
sei nelle mie braccia
e non mi sembra vero.
Un orchestra sta suonando
giù al lungomare,
lasciando nell’aria
una dolce melodia,
ma se tocco la tua pelle,
sembro un pianista,
che preme sui tasti
con delicatezza,
per non sgualcire questo fiore,
che odora di primavera.

Marco Bartiromo

Advertisements