Pe’ cagnà l’umore
e ‘na jurnata scura,
chiur’ l’uocchie
‘e part’ ‘co pensier’,
nun’ servono doje scelle,
nemmanc’ l’areoplan’,
nce’ pensa ‘a fantasia
‘a ‘te ‘fa ‘i luntan’,
vulann’ ‘ncopp ‘a l’onna
ca’ sbatt’ ‘e ‘nun ‘te nfonne’,
dint’ ‘a stu mare bell’
ca’ ‘te fa cunsulà,
‘o post’ ‘e ‘nu gabbian’
ca’ nun’ tene paura,
arriv’ ‘a tuccà ‘o ciel’
cu’ ‘na mana sola,
fin’ a quann’ all’orizzonte
nun’ vire ‘e spuntà ‘o sole,
ca’ te cagna ‘a linfa
‘e stu’ mument’ nir.

Per cambiare l’umore
di una giornata buia,
chiudi gli occhi
e vola con il pensiero,
non servono due ali,
nemmeno l’areoplano,
basta la fantasia
per farti andare lontano,
planando sull’onda
che s’infrange ma non ti bagna,
in questo bellissimo mare
che ti rallegra,
al posto di un gabbiano
che non ha paura,
cerca di arrivare al cielo
con una mano sola,
fino a quando, all’orizzonte
non vedrai spuntare il sole,
che ti cambierà l’umore
di questo momento nero.

 

 Marco Bartiromo

 

Immagine
Advertisements